i sottotitoli

Come si legge un romanzo?

La risposta sembra ovvia.

Ma in questo caso non è male partire dall’indice e dai sottotitoli.

Contrappunti e fughe.

La struttura generale è musicale, ma non con riferimento ad architetture sinfoniche beethoveniane, bensì a strutture chiuse come l’antico ricercare. Una scrittura polifonica contrappuntistica con dei soggetti principali e dei controsoggetti, dei divertimenti, dei raccordi, delle chiuse cadenzali.

I soggetti sono quelli che nell’indice vanno sotto il nome Isherwood, cui ogni volta si affianca un altro nome, ciascuno relativo ai singoli argomenti su cui si riflette con le armi della narrazione. Isherwood e i suoi romanzi del periodo americano sono lo specchio in cui Saverio trova riflessi i suoi temi, e del suo lavoro su questi temi troviamo annotazioni criptiche, involute, personalissime: non un saggio, ma il desiderio di un saggio.

Lo svolgimento di questi temi viene affidato alla narrazione.

Il personaggio principale è Saverio, che vive una giornata molto speciale, narrata al presente nei capitoli intitolati venerdì 4 novembre 2011 e infine sabato 5 novembre 2011.

Gli altri capitoli portano altre date, con altri personaggi, altre storie, altre situazioni, altri luoghi, altri tempi, tutti connessi a Saverio: le sue relazioni e memorie, narrate in terza persona al passato. Ma tra queste altre date che vanno a salti, una trova una sua specificità: mercoledì 16 agosto 2001, col suo epilogo in sabato 18 agosto 2001.

L’ordine di successione dei vari capitoli non è affatto casuale, e si nutre di ripensamenti, appunto contrappuntistici, per narrare mille modalità di fuga: stavolta le fughe, però, non sono quelle musicali, ma quelle esistenziali. I soggetti, i temi, danno l’orientamento a vari desideri di fuga. Chi volesse, dopo una prima lettura, andare a rileggere una serie alla volta dei capitoli di questi filoni paralleli che si intersecano tra loro in questo ricercare contrappuntistico, potrà forse chiarificarsi non tanto la trama, ma soprattutto le focalizzazioni, facendo risuonare dentro la propria memoria tutti gli altri momenti.

La musica, oltre che come struttura, entra nella narrazione come luogo determinante nella vita di Saverio. La religione, con riferimenti diretti a Quaccheri e Metodisti, è uno degli orizzonti di ciò che avviene.

Ma chi è Waldemar?

Waldemar è uno dei personaggi più importanti, secondo me il protagonista, di “Ritorno all’inferno” di Christopher Isherwood.

In “Waldemar” è una sorta di mito: energia, erotismo, bellezza allo stato di natura, senza consapevolezza, senza colpa.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...